Nefrologia e Urologia

Presso l’Ospedale Veterinario Pingry è attiva un’unità operativa di nefrologia e urologia che ha come obiettivo il riconoscimento e il trattamento medico e chirurgico delle patologie delle alte e basse vie urinarie del cane e del gatto. Tale servizio nasce dal particolare interesse della dott.ssa Anna Uva e della dott.ssa Loredana Colaianni, membri del Gruppo Italiano di Nefrologia e Urologia (GINU), nel campo della nefrourologia.
Sono numerose le patologie che interessano l’apparato urinario del cane e del gatto ed è ormai accertato, attraverso trial clinici, che una diagnosi corretta e tempestiva può migliorare notevolmente le prospettive di vita dei pazienti, sia in termini di tempi di sopravvivenza che di qualità di vita.
Nel nostro ospedale l’opportunità di avvalerci di strumenti diagnostici all’avanguardia, unitamente ad un continuo e costante aggiornamento scientifico, ci consentono di offrire un servizio altamente specialistico.
L’approccio alle patologie renali e delle vie urinarie deve passare attraverso una diagnosi quanto più possibile precoce che si può ottenere mediante l’analisi di dati ottenuti da esami di laboratorio (da profilo ematochimicourinario di base a test più specifici quali la determinazione della GFR) e indagini di diagnostica per immagini (RX in bianco e con contrasto, Ecografia addominale, TC in bianco e con contrasto, Endoscopia diagnostica e interventistica).
Le possibilità terapeutiche per questa tipologia di pazienti sono oggi nettamente migliorate rispetto al passato. Questo è quanto mai vero nella gestione dei pazienti con patologia acuta, nei quali, un corretto e tempestivo intervento terapeutico può portare, nei casi migliori, alla totale remissione del quadro clinico. Inoltre, un corretto approccio alla nefropatia cronica, può dare ottimi risultati nella gestione a lungo termine del paziente.
L’Unità Operativa di Chirurgia Urologica si occupa della cura delle malattie dell’apparato urinario e genitale:
Trattamento urologico ricostruttivo delle malformazioni dell’apparato uro-genitale, stenosi dell’uretere, calcoli ureterali, uretere ectopico, idronefrosi, reflussi vescicoureterali, nefrectomie;
Patologia dell’uretra, congenita (ipospadia) e acquisita (stenosi post-traumatiche, patologie da ostruzione);
Endoscopia Urologica;
Trattamento chirurgico dell’incontinenza urinaria;
Chirurgia oncologica.

Tra i servizi specialistici che offre il nostro ospedale nell’ambito della nefrologia vi è quello della dialisi. Si tratta di una procedura terapeutica che da più di 30 anni viene ampiamente utilizzata nella pratica clinica veterinaria. In Italia, sfortunatamente, sono ancora pochi i centri dotati di un’unità di dialisi; questo è legato al fatto che è necessaria una organizzazione di tipo ospedaliero e personale medico specializzato.
Si tratta senza dubbio di una grossa opportunità per i pazienti più critici che senza questo tipo di terapia avrebbero scarse possibilità di sopravvivenza.
La dialisi, o terapia sostitutiva renale, è una procedura medica che consente di gestire le gravi alterazioni biochimiche e idro-elettrolitiche che si riscontrano in corso di grave uremia.
L’emodialisi (HD) e la dialisi peritoneale (PD) sono i due trattamenti applicabili in campo veterinario.
L’emodialisi utilizza una circolazione extracorporea ed una membrana sintetica (rene artificiale) attraverso le quali il sangue, prelevato dal paziente, viene depurato delle tossine uremiche e riequilibrato nell’assetto elettrolitico prima di essere reinfuso al paziente stesso. La dialisi peritoneale invece raggiunge lo stesso risultato sfruttando il peritoneo e la cavità addominale per lo scambio delle stesse sostanze. Mentre il primo trattamento prevede l’utilizzo di una macchina da emodialisi e di ospedalizzazione, nel secondo caso e’ necessario l’inserimento chirurgico di un drenaggio temporaneo o permanente e, dopo una prima fase di ospedalizzazione, la gestione della terapia può essere domestica.
La  PD, pur avendo una efficacia di trattamento lievemente inferiore all’emodialisi, rappresenta sicuramente una validissima alternativa nella gestione del paziente con insufficienza renale cronica in stadio avanzato; questa infatti, in virtù dei costi più accessibili e della gestione di tipo domestico, potrebbe essere di scelta nella terapia a lungo termine del paziente cronico.
Le indicazioni dell’ HD, a differenza di quanto detto per la PD, si limitano, in veterinaria, quasi esclusivamente al trattamento del paziente acuto, in virtù della maggiore efficienza ma dei costi più elevati.
Tra le possibili applicazioni, oltre l’insufficienza renale acuta, vi è anche il trattamento di altre condizioni patologiche che giovano della rimozione forzata di soluti e acqua. Tra queste ricordiamo alcune forme di tossicosi (glicole etilenico,etanolo, fenobarbitale, metaldeide, paraquat……) in cui la tossina viene rimossa dall’organismo in quanto filtrata attraverso la membrana dialitica; l’emodialisi, e in particolar modo l’emofiltrazione, risulta inoltre essenziale nel trattamento  dell’overidratazione iatrogena, dell’edema polmonare grave e dell’insufficienza cardiaca congestizia.
Il servizio è attivo 24 ore su 24.